Caschi
« back     Data di pubblicazione: 2017-04-18 14:32:09 Stampa questa scheda |
Rocket
 
DMD Helmets
Azienda:
DMD Helmets
 
Modello:
Rocket
 
Tipologia:
integrali touring
 
Prezzo:
374-392€
 
 
 
 
 
 
 
 

Spazio 1999, Chrystal Ball, Orzo Wei, Atari, l'Alfetta, Ergo Sprint, Geppo il Diavolo, il trenino Lima, la CB 750 four, il Garelli Gulp, la Vespa PX, gli occhiali a raggiX, le scimmie di mare, la crema che faceva venire i muscoli, la Renault 4, un uomo entra in un caffe... splash... Malizia, quel gran pezzo dell'Ubalda... l'Opel Ascona.. se tutta sta roba non vi dice niente o non l'avete vissuta di persona,vi siete persi gli anni a cavallo fra i 70 e gli 80...
Con le moto si può tornare indietro, con i caschi, paradossalmente è più difficile.
La sicurezza, per fortuna, comanda... e se volete un integrale, nuovo, omologato, sicuro, costruito con materiali moderni, tipo il carbon Kevlar, le sensazioni del passato, ve le scordate... ve le scordavate... fino ad ora.

In realtà qualche tentativo di casco vintage, è stato fatto ed è venuto fuori anche qualcosa di riuscito, ma questo vince a mani basse su tutto quello che è stato fatto fino ad oggi. Secondo me.

DMD Helmet è un'azienda italiana, bergamasca, specializzata in questi caschi qui. Anni 70-80 ma con materiali moderni e omologazione reale.
Noi abbiamo il Rocket, un integrale design prima maniera, con le caratteristiche di sicurezza offerte da una calotta in Carbon Kevlar.
L'azienda dichiara di aver ricercato il perfetto mix fra comfort e design per ottenere la maggior silenziosità possibile.
E che anche gli attacchi della visiera sono ispirati alle corse di quegli anni.
Se quello che è venuto fuori lo hanno fatto apposta, sono dei geni, altrimenti pazienza, perché è il risultato quello che conta.

La visiera è facilmente sostituibile, disponibile anche nella versione fume ed è anti nebbia... E' tutto facile tranne la chiusura, perché bisogna dargli giù con 2 mani per fissare i bottoni automatici. Ma non volevate il passato?
Descrivere il casco è facile: la forma è vintage, le prese d'aria non ci sono, l'aria entra, poca, chissà da dove,e va bene così.
Le velocità sono quelle da passeggiata, secondo la casa, in realtà si può osare anche di più. Perché è proprio quella la porta verso il passato.
Se avete una moto classica, vintage, insomma di quegli anni lì, sappiate che è il casco giusto. Per quelle moto serve questo casco, per questo casco, serve una di quelle moto.
Una moto moderna con questo casco potrebbe darvi sensazioni di passato, ma una moto vintage o una cafe racer adeguatamente messa su, nel passato vi ci rimanda a calci in culo.
Gli interni somigliano a quelli di qualche anno fa, tranne che per il fatto che il sudore non vi provoca allergia. Sono anche amovibili e quindi lavabili. E il polistirolo sotto non fa schifo come il polistirolo di una volta.
Altre cose? Una che non cambierà mai: la chiusura doppio anello
Altro non c'è in questo casco, se non una guarnizione alla base ed una intorno all'area con cui combacia la visiera. Dietro, solo il bollino della taglia. Sappiate che ve ne serve una in più, rispetto a quella che indossate di solito.
Il resto? Il resto sono tutti anni 70, comprese le grafiche.
Bianco, Nero, e una specie di quadricromia che ricorda molto l'elicottero di T.C., nella serie Magnum P.I. Se non la conoscete vi meritate che Higgins vi mandi contro Zeus e Apollo.

insomma, se non avete vissuto il vostro periodo motociclistico negli anni 70, ero troppo piccolo persino io, o addirittura nemmeno ve li ricordate, potete farci un salto.
Il viaggio costa 374€ per le versioni bianca e nera e 392 per quella a colori.
Le emozioni, si pagano, ma vi garantisco che questo è il modo più sicuro ed economico per tornare indietro, tutte le volte che ne avete bisogno.