« back     Data di pubblicazione: 6 maggio 2018 Stampa questa scheda |
MotoGP, Jerez: Marquez vince su Zarco e Iannone. Disastro Ducati, tristezza Yamaha ufficiali!
MotoGP, Jerez: Marquez vince su Zarco e Iannone. Disastro Ducati, tristezza Yamaha ufficiali!

A Jerez va in scena una bella gara, con un Marquez e uno Zarco irraggiungibili e uno Iannone casualmente sul podio.
A meno 6 dal termine l'incidente che cambia tutto.
Dovizioso arriva lungo su Lorenzo, il quale rientra in traiettoria ma non si accorge dell'arrivo di Pedrosa.
Lo spagnolo della Ducati viene centrato dall'uomo Honda dopo averlo chiuso, e finisce col carambolare sul compagno di squadra.
Tutti per terra per un incidente di gara che non ha colpevoli reali dal punto di vista disciplinare.
Si può anche parlare di dove sarebbe arrivato Dovizioso se Lorenzo lo avesse fatto passare (perché poi?) o di chissà quale congiunzione astrale eventuale... ma resta il fatto che Marquez e Zarco se ne sono andati indisturbati (il francese seguiva il trio degli incidentati con un cronologico che faceva presagire il sorpasso) e i tempi dicono  che non sarebbero mai stati raggiunti dai Ducatisti, dato che anche Pedrosa e Rossi avevano iniziato a girare più veloci.Un altro fatto concreto riguarda la Yamaha ufficiali, che senza le uscite dei 3 di cui sopra, oltre a Crutchlow e Rins, sarebbero 10a e 12a. Un disastro così complesso da spiegare che è più facile trovare un colpevole per un normalissimo incidente.

Cronaca della gara
Al via Lorenzo è subito leader poi Pedrosa, Zarco, Marquez e Crutchlow...Meno 23 Lorenzo resiste a Pedrosa che appare più in forma ma lo stesso Pedrosa viene passato da Marquez.
Meno 21 e Crutchlow attacca Zarco passandolo...stessa mossa per Dovizioso che passa Rins... Rossi, invece, lotta per la posizione n9 con Petrucci.
A meno 18 si stende anche Crutchlow mentre davanti non cambia nulla fino al giro successivo in cui Marquez passa Lorenzo.
Pedrosa ha qualche difficoltà a passare Lorenzo e addirittura fa entrare Dovizioso.

Marquez, Lorenzo, Dovizioso, Pedrosa, Zarco, Iannone, Petrucci Rossi, Miller e Morbidelli a chiudere i 10.
Meno11 e Dovizioso perde una posizione mentre cerca di passare Lorenzo. La recupera in un soffio e si rimette all'inseguimento del suo compagno di squadra.
Il tutto mentre Marquez ha ormai 2 secondi sui suoi inseguitori.
Meno 6 e Dovi arriva lungo su Lorenzo, che stringe e butta fuori Pedrosa, carambolando poi su Dovizioso. 3 moto fuori in un colpo solo.
Marquez, Zarco, Petrucci, Iannone, Miller, Rossi, Bautista, Vinales, Morbideli e Pol Espargaro.

Ultimo giro: Marquez, Zarco, Iannone, Petrucci, Rossi, Miller, Vinales, Bautista, Morbidelli e Kallio a chiudere i 10.
Finisce così.


Marquez
Prende e se ne va. E' l'unico modo per non essere accusato di nulla, se non di aver ucciso prematuramente, un campionato.
Voto 10

Zarco
L'unica Yamaha che va. E va anche forte. Non gli regala niente nessuno, perché lui, fantasie a parte, non è concretamente attaccabile. E tutto con la Yamaha di 2 anni fa. E gli altri, muti. Impressionante.
Voto 9,5

Iannone
E' forte ma usufruisce di un bonus podio, non da poco. Almeno lui rimane in piedi.
Voto 7,5

Petrucci
Con l'unica Ducati ufficiale rimasta in pista, un podio sarebbe stato doveroso. Invece non ce la fa.
Voto 6,5

Rossi
Senza il bonus di Crutchlow e Rins prima, e delle due Ducati e Pedrosa poi, sarebbe stato ai limiti della top ten. Non si è proprio visto.
Voto 4,5

Miller
Lotta bene con Rossi, poi cede. Bene ma non benissimo.
Voto 6

Vinales
L'ombra di Rossi.
Voto 4

Bautista
Una gara normale per un pilta onesto.
Voto 5,5

Morbidelli
Morbidelli prende punti ma è inevitabilmente un po' deludente, al momento. Si attendono da lui cose migliori.
Voto 5,5

Kallio
La KTM sbagliata. Un po' di classe c'è, ma la decima posizione non è troppo sincera.
Voto 5,5

 
Fonte: Misterhelmet Gianluigi Ragno