« back     Data di pubblicazione: 16 settembre 2017 Stampa questa scheda |
Superbike, Portimao: Rea, ronf, Davies, ronf, Melandri...
Superbike, Portimao: Rea, ronf, Davies, ronf, Melandri...
La gara del mondiale Superbike va in scena dall'obitorio di Portimao. Con un mondiale già virtualmente e logicamente assegnato, Rea non si modera e infierisce sui malcapitati della classe regina. Piove sul bagnato quando prima della Superpole si infortuna anche Sykes e fa in scena il Rea show.
Il resto è solo Ducati e qualche sprazzo di MV, mentre Honda archivia un'altra prestazione inspiegabile a nome di Takahashi e la gara fila via così, soporifera come un'anestesia totale.
La speranza di domani, è che finisca presto. Invece, nemmeno quello, dato che la gara è alle 16.

La gara
Al via Rea si fionda già al largo con tempi da Superpole che gli consentono immediatamente di allontanarsi. Laverty e Savadori tengono la posizione e Davies risale immediatamente a spese di Melandri.
2 Giri e Rea ha 3 secondi. Fa impressione anche Davies che si beve Savadori e si appresta a liberarsi anche di Laverty.
Con il passar dei giri l'unico cambiamento significativo è il vantaggio di Rea. Buona gara anche da parte di Camier che è ormai 6° ad impensierire Savadori. Lo passa in meno di due giri.
Con 13 passaggi da fare, il più indemoniato è Melandri ormai vicino a Davies e terzo virtuale.
Fuori gara, invece, sono Bradl e Lowes... e poi Mercado, che vola a meno11.
Con 9 giri da fare, Rea a parte, il protagonista è Camier che si libera di Laverty con la sola tecnica, data l'inferiorità della sua MV, ma forse è Laverty che è in crisi, dato che cede anche a VDMark proprio in staccata.
A meno 6, quello in apparente difficoltà è Melandri, che perde dal compagno di squadra e vede Camier avvicinarsi.
La leadership, di contro, è al sicuro, con Rea in vantaggio di quasi 7 secondi su Davies e il gallese che pare proprio non riuscire a colmare il gap in nessun modo.

Ultimo giro: Rea, Davies, Melandri, Camier, VDMark, Torres, Laverty, Savadori, Fores e Ramos a chiudere i 10

Rea
Fa tutto subito e per conto suo.
La gara è già vinta quando mette insieme i primi 3 secondi di vantaggio, ossia dopo un paio di giri. Poi si calma, ma non cambia niente, per lui e per gli altri.
Voto 10

Davies
E' eroico, nel senso omerico del termine. Si sa che non ce la può fare, ma è comunque ammirevole il suo impegno.
Voto 9,5

Melandri
E'un buon Melandri, soprattutto nella prima parte di gara.
Ottenuto quel che gli serve, cala un po'.
Voto 8

Camier
E' il vincitore morale, con la sua partenza da metà griglia causa rottura motore e i suoi sorpassi coraggiosi sulla moto più vecchia del lotto. Ci prova sempre e non si arrende mai...e a momenti si prende il podio.
Voto 9

VDMark
Non che si giochi realmente granché, però almeno oggi è competitivo.
Voto 8

Torres
Si vede che fa fatica e curva come fosse in crisi tutte le volte.
Eppure finisce davanti alle Aprilia che sono ben più quotate.
Voto 7,5

Laverty
In superpole fa faville... in gara tiene solo per pochi giri.
Voto 6

Savadori
Attaccato al compagno di squadra per tutto il week end, in gara va allo stesso modo.
Voto 6

Fores
Festeggia il suo compleanno cogliendo una SP2 e una top ten.
Niente di che, ma nemmeno niente male, considerato il livello degli avversari di oggi.
Voto 6,5

Ramos
Privatissimo, conferma il trend di stagione che lo vede ben figurare, nonostante il pacchetto leggermente inferiore.
Va bene così.
Voto 7
 
Fonte: Misterhelmet Gianluigi Ragno - Foto Porrozzi -