« back     Data di pubblicazione: 8 luglio 2017 Stampa questa scheda |
Superbike, Laguna Seca: Davies stappa gara1 davanti alle Kawasaki. Melandri quarto!
Superbike, Laguna Seca: Davies stappa gara1 davanti alle Kawasaki. Melandri quarto!

La gara destinata ad essere una bella copia delle qualifiche di 2ore prima prende la solita piega ma finisce in modo in atteso.
Il risultato finale è l'unica nota pepata di una corsa noiosa in cui è proprio la monotonia di un Davies imbattibile, la sorpresa principale. Il ducatista resiste all'unico avversario, Rea, mentre il resto della griglia li guarda da lontano, nel caso di Sykes, e da lontanissimo, nel caso degli altri.
Gara 1 segna l'ennesima disfatta di Honda, Yamaha e Aprilia ufficiali con i privati delle altre squadre spesso davanti.

La gara
Sykes, Rea, Davies e Melandri al via seguiti da Laverty... le Kawa e le Ducati sono già calde mentre le Aprilia non sono da meno con Laverty e Mercado subito competitivi.
Meno 22 e Davies è davanti a Rea mentre alle loro spalle rimane tutto invariato a parte Mercado che cede a Fores prima e a Camier poi.
NOn cambia niente fino al giro 12 quando Davies passa Sykes che cede anche a Rea.
Meno 7 e Rea inizia ad affacciarsi alla finestra di Davie che deve chiudere tutte le porte ed è tutt'altro che al sicuro.
Davies e Rea continuano a duallare, poi Sykes ad oltre 3 secondi e Melandri, in solitaria a oltre 11, questi i top 4 dopo i quali c'è un vuoto assoluto.
L'ultimo giro va via così, con Davies in testa e Rea che non riesce ad infastidirlo realmente.

Davies, Rea, Sykes, Melandri, Fores, Camier, Torres, VDMark, Mercado e Savadori. Finisce così una gara emozionante, ma solo nel risultato finale.

Davies
Chi si aspetta che il gallese sia fuori forma causa infortunio, deve ricredersi. Chi si aspetta che Rea ne faccia un boccone, rimane deluso. L'uomo Ducati fa credere di poter essere attaccato... in realtà riesce a far passare quel tanto di giri che basta per fare bottino pieno e accorciare il gap.
Voto 10

Rea
Perde 5 punti e forse anche quel senso di invincibilità che fa credere agli avversari che può ottenere quel che vuole.
In realtà Rea ha ancora il super vantaggio che gli consente di giocarsi un campionato stando tuto sommato tranquillo.
Voto 9,5

Sykes
La cicala Sykes è uno spettacolare mangiagomme. Fa bei giri e una bella gara ma tutti sanno che durerà il giusto, non di più. Il giusto per gli altri, non per lui.
Voto 7,5

Melandri
Melandri fa un inizio gara pepato poi qualcosa gli impedisce di capitalizzare e non perdere il trenino del podio.
Ormai è abbonato al quarto posto che gli consente di partire in pole e giocarsi tutto al meglio in gara2.
Voto 7,5

Fores
Con la Ducati privata a momenti gioca lo scherzo ai grandi.
Si è parlato di un Fores in cerca di altre selle. Io starei dove sono.
Voto 8

Camier
Conosce bene Laguna e si vede. MV Agusta in America ha un blasone da difendere e Camier fa la sua parte, come al solito.
Voto 8

Torres
Con l'unica BMW decente nel raggio di miglia, fa vuone cose e si toglie anche qualche soddisfazione. Se la casa tedesca ci credesse un po' di più, chissà cosa potrebbe fare Althea.
Voto 7,5

VDMark
L'Olandese è attivo ma poi ha la sensibilità che manca a Lowes, di capire che la Yamaha lo sta mollando. Primo obiettivo: rimanere in gara.
Voto 6,5

Mercado
La miglior Aprilia in pista è ancora un'Aprilia privata.
E niente fa già ridere così.
Voto 7,5

Savadori
Appare spuntato, demotivato e delegittimato. Quanto vorrei sbagliarmi sulla situazione di Lorenzo Savadori passato, in mezza stagione, da uomo di punta Aprilia per il futuro, in pilota fastidioso per lo sponsor pagante. Salvate il soldato Savadori.
Voto 5

 
Fonte: Misterhelmet Gianluigi Ragno