« back     Data di pubblicazione: 4 giugno 2017 Stampa questa scheda |
MotoGP: Dovizioso e Ducati sculacciano tutti! Secondo Vinales e terzo Petrucci!
MotoGP: Dovizioso e Ducati sculacciano tutti! Secondo Vinales e terzo Petrucci!

Il gran varietà Italiano va in scena al Mugello e la giornata inizia alla grande con vittoria di Migno in Moto3, mai visto il gradino più alto in vita sua, e di Pasini, gran ritorno dopo un periodo nerissimo, in Moto2.

Nella classe regina il trittico è completato dalla doppia D Ducati-Dovizioso, per un tricolore totale, completato dal terzo posto di Petrucci alle spalle di Vinales, che però rimane leader in campionato.

Gli sconfitti di giornata sono Rossi, giù dal podio e scavalcato in classifica, e Lorenzo, a stento nei 10, con tante Ducati, troppe, davanti alla sua. Entrambi prendono costantemente paga dai compagni di squadra e, come eroi, la cosa non va bene.


La gara

Mega partenza di Rossi seguito da Vinales e Lorenzo, grande partenza anche per lui e poi Dovizioso e le Honda di Marquez e Pedrosa.

Nemmeno un giro e Loreno è violento... passa tutti, poi sbaglia la staccata ma si riprende e torna davanti.

3 giri ed è tutto un duello fra Ducati e Yamaha. La spuntano Vinales e Rossi alternandosi... seguiti dale Ducati di Dovi e Lorenzo, scavalcato alla fine da Petruccie poi anche da Marquez.

Meno 16: Vinales guida la gara seguito da Dovizioso. Un po' di ritardo per Rossi ormai quasi raggiunto da Petrucci.

Meno 14 e Lorenzo cede anche a Bautista il quale infila anche Marquez. Davanti invece nulla cambia dato che Vinales e Dovizioso sono sempre in quest'ordine.

Meno 12: Lorenzo cede anche a Zarco... sono gli unici cambi di posizione, perché davanti Vinales, Dovizioso Rossi e Petrucci sono un quartetto ormai isolato e immutabile.

Meno 10 e Dovi passa Vinales mentre Petrucci e Rossi girano uguali.

Meno 9 e con Dovi davanti con qualche metro di vantaggio, passa anche Petrucci.

Meno 4 e Dovi è quasi in fuga. Nel frattempo Vinalesentra su Petrucci in apparente difficoltà, con Rossi quarto ma non ancora battuto.

A 2 dal termine, ancora tutto uguale: Dovizioso, Vinales, Petrucci, Rossi, Bautista, Marquez, Zarco,Lorenzo, Pirro e Iannone a chiudere i 10.

Finisce proprio così, con 2 Italiani sul podio e un trittico che si completa, come per magia.


Dovizioso
Raccoglie, lui, quello che avrebbe dovuto raccogliere qualcun altro chiamato a suon di milioni.Nonostante viva una notte d'inferno, causa intossicazione, sculaccia tutti, forte di motore, di traiettorie, di testa.
Voto 10


Vinales
Ci mette poco a capire che l'unica cosa da fare è tenere e rimanere leader in campionato. Alla fine il DNA lo spinge verso un tentativo di attacco, ma è una cosa timida, in realtà sa bene che l'unica cosa da fare è rimanere dov'è.
Voto 9,5


Petrucci
Dopo tanti bocconi amari, un risultato che non ti aspetti.
Il Mugello è un po' casa sua, ma è tutto meritato. Per una volta è veloce da subito, nonostante la penalizzazione in griglia... e i risultati si vedono.Con un po' di costanza in più potrebbe essere full red, ufficiale per davvero.
Voto 9


Rossi
All'inizio è il Rossi di sempre, poi probabilmente emergono i malesseri post infortunio. Sembra mancare proprio la tenuta. Alla fine, strano a dirsi, va bene così. Di fatto è un gradino sotto Vinales, comunque vada lo spanolo.
Voto 8


Bautista
Sculaccia Lorenzo, prima, Marquez poi. Bautista ha classe... solo che a volte si spegne. Non oggi. La sua vecchia Ducati fa meglio di quella di Lorenzo... e di tante moto ufficiali.
Voto 8,5


Marquez
Irriconoscibile per tanti motivi, si vede subito che non ne ha.
Lui o la moto, non è chiaro.
Voto 6


Zarco
Non è lo Zarco a cui tutti si erano piacevolmente abituati.
Come tutte le Yamaha, lui soffre.
Voto 7


Lorenzo
Per essere a casa sua, in una pista in cui ha vinto, e per essere che guida quella che in Toscana è la moto da battere, la prestazione è emblematica. Parte alla grande ma altrettanto velocemente, si sgretola.
Voto 5


Pirro
Ha tutto tranne il feeling della bagarre in gara, perché CIV e MotoGP sono due cose "leggermente" diverse. Però fa il suo dovere. Averne di collaudatori così.
Voto 6


Iannone
Debilitato da giorni, si riprende un po'... ma è sempre lontano da quello che conta. Una moto ufficiale, le attenzioni su di lui, gli investimenti... sono cose che bisogna iniziare a ripagare al più presto.
Voto 5

 
Fonte: Misterhelmet Gianluigi Ragno